MV AGUSTA DONA UNA MACCHINA PER TEST RAPIDI

By admin
In Articoli Home
Apr 3rd, 2020
0 Comments
240 Views

MV Agusta scende in campo nella gara di solidarietà per aiutare gli ospedali varesini in emergenza Coronavirus. L’azienda ha deciso di donare all’Asst-Sette Laghi una sofisticata attrezzatura che consentirà in modo rapido di analizzare fino a 96 campioni con tempi di risposta di trenta minuti. Il sistema, utilizzabile anche in remoto,  sarà a disposizione del dipartimento diretto dal professor Fausto Sessa.
Il macchinario, denominato QuantStudio TM 5 Real-Time PCR System e prodotto dall’inglese Thermo Fisher Scientific, verrà affiancato a quello al momento operativo in Ospedale per fare fronte alla pressante necessità di identificare i soggetti affetti o portatori di Coronavirus. Anche il personale infermieristico e
medico potrà accedere a questa importantissima diagnostica, così da tutelare gli operatori con le rispettive famiglie. Questa particolare macchina non è solamente dedicata al Covid-19, ma migliora, e migliorerà a
fine emergenza le capacità diagnostiche nell’intero campo della virologia.
L’iniziativa di MV Agusta avviene in sinergia con la nostra raccolta fondi #prenditicuradichiticura partita l’8 marzo e sfociata nella consegna, in questi giorni, di fondamentali apparecchiature a beneficio dei pazienti in terapia intensiva.
Timur Sardarov, CEO di MV Agusta Motor S.p.A. ha dichiarato: “in questa situazione di emergenza è importante per noi fare la nostra parte e sostenere chi opera per la protezione della nostra comunità. La Fondazione Circolo della Bontà ci ha permesso di individuare quali fossero in questo momento le necessità critiche, consentendoci di agire in modo efficace e mirato. Siamo inoltre in contatto con l’ospedale per identificare ulteriori esigenze.”
“Siamo felici di questa costruttiva collaborazione con l’azienda di Schiranna e del sostegno che ci ha manifestato”, dice Gianni Spartà, presidente della Fondazione, “direttamente e indirettamente, il territorio sta dando una risposta formidabile all’emergenza Covid-19. Rinasce in questi giorni un ponte tra la cittadinanza e la sua sanità. Il nostro slogan #prenditicuradichiticura, varato nel 2011, è oggi più che mai attuale”.