Altri due obiettivi raggiunti: WiFi nel reparto Malattie Infettive e TV nel reparto Cure Subacute

By admin
In Articoli Home
Feb 21st, 2017
0 Comments
1899 Views

Da qualche giorno il servizio WiFi gratuito è finalmente disponibile anche per i pazienti del reparto Malattie Infettive e Tropicali dell’Ospedale di Circolo. Un’estensione possibile grazie alla donazione di un paziente del reparto diretto dal Prof. Paolo Grossi che si aggiunge al progetto avviato oltre un anno fa nel Monoblocco, nell’Hospice e nei Day Hospital di Oncologia e Ematologia.

Contestualmente la Fondazione ha donato anche i televisori per le camere di degenza del reparto dedicato alle Cure Subacute diretto dalla D.ssa Emanuela Crespi. Quest’ultimo obiettivo è stato raggiunto grazie alla preziosa alleanza con l’Associazione CAOS Varese Onlus presieduta da Adele Patrini.

Si amplia un servizio che i degenti apprezzano molto – ha commentato Gianni Spartà come dimostrano i dati sull’utilizzo del WiFi nei reparti già coperti. Questo significa migliorare la qualità del tempo trascorso negli Ospedali da centinaia di degenti: la nostra missione. A cinque anni dalla nascita della nostra Fondazione ci sentiamo sempre meno soli: la gente ora ci conosce e ci sostiene, avendo compreso l’importanza di un nuovo patto tra la sanità pubblica e i donatori privati. Ne è la prova l’installazione di una televisione in ogni camera del reparto Subacuti. E questo grazie alla collaborazione con CAOS e con la sua vulcanica Presidente Adele Patrini. La ringraziamo di cuore per questa disponibilità a fare sistema, la vera chiave del volontariato ospedaliero“.

Sono fermamente convinta – ha dichiarato Adele Patrini, Presidente di CAOS Varese Onlus – che tutti coloro i quali si occupano di Salute debbano ispirarsi ad una scienza che sia espressione di libertà, ricerca, scambio di saperi, considerazione della persona, formazione e solidarietà. Alla luce di questa riflessione si colloca la donazione di oggi, perchè evidenzia un volontariato che ottimizza l’offerta in una logica di rete. La collaborazione tra Associazioni è un fatto culturale che urge promuovere nella speranza che diventi un modello contagioso. Papa Francesco ci invita a costruire ponti, non muri“.

WIFI_TV_Infettivi_Subacuti_Ospedale Circolo_Varese

Nuovo CDA della Fondazione che sostiene gli Ospedali

By admin
In Articoli Home
Gen 20th, 2017
0 Comments
1605 Views

Il Rettore dell’Università dell’Insubria Alberto Coen, il direttore del Teatro Openjobmetis di Varese Filippo De Sanctis e il Dr. Commercialista Roberto Nicoletti sono stati nominati nuovi consiglieri della nostra Fondazione durante il CDA che nei giorni scorsi ha visto il rinnovo periodico del proprio direttivo.

Il nuovo CDA risulta quindi così composto: Fabio Bombaglio, Alberto Coen, Filippo De Sanctis, Carlo Giani, Luigi Jemoli, Roberto Nicoletti, Gigi Prevosti.  Segretario Anna Martelossi.

Presidente è stato confermato Gianni Spartà, Vicepresidente il Direttore Generale dell’ASST Sette Laghi Callisto Bravi che siede nel Consiglio per disposizione statutaria.

Sì è rinnovato altresì il Comitato dei Fondatori e dei Garanti con l’ingresso di Norberto Silvestri e Giampietro Ferdani accanto, tra gli altri, a Roberto Babini Cattaneo, Paola Bassani, Giovanni Binaghi, Giulio Nidoli, Giuseppe Zamberletti, Giuliana Bossi Rocca, Aldo Ossola.

L’Assemblea ha preso atto con soddisfazione dei risultati conseguiti dalla Fondazione, sia in termini di raccolta fondi, sia soprattutto di servizi donati per migliorare la qualità del tempo trascorso dai pazienti nei nostri ospedali: tv, wi-fi gratuito, sedie a rotelle, servizio volontari per l’accoglienza e biblioteche.

Grande successo sta avendo il videoclip promozionale #prenditicuradichiticura #mettiincircololabontà animato da medici, infermieri, personale ospedaliero e volontari Avo che sui Social Network ha avuto finora 11.000 visualizzazioni e che in queste settimane è trasmesso nei cinema della provincia.

News Nuovo CDA_20.01.17

LI ABBIAMO FATTI CANTARE.

By admin
In Articoli Home
Nov 11th, 2016
0 Comments
2115 Views

Nella giornata di S.Martino, alla vigilia della GIORNATA MONDIALE DELLA BONTA’ abbiamo scelto di lanciare la campagna di raccolta fondi a sostegno dei progetti che vogliono “prendersi cura” dei pazienti e degli utenti dei 6 Ospedali dell’ASST Settelaghi.

#PRENDITICURADICHITICURA #METTIINCIRCOLOLABONTA’ è il titolo di questa serie di videoclip musicali frutto della generosa collaborazione e della disponibilità di centinaia di persone.

Paolo Franchini ha ripreso il bellissimo slogan della campagna istituzionale ideato a suo tempo dall’Agenzia SS&C e ha creato 5 testi che parlano della Fondazione e di quanto abbiamo realizzato fino ad oggi negli ospedali di Varese e del Verbano.

Il talento musicale di Luca Fraula ha trasformato questi testi in 5 brani musicali orecchiabili e simpatici che si prestano a diventare dei veri e propri tormentoni.

Grazie alla disponibilità di Alex Gasparotto e del Delay Studio di Sumirago abbiamo registrato le preziose collaborazioni canore di Laura Bono, Noemi Cantele, Marco Caccianiga, Aldo Ossola e Silvio Scarpolini: 5 varesini famosi nel panorama musicale e sportivo che hanno prestato la loro voce e il loro volto alla nostra causa.

Il progetto è piaciuto ed è stato condiviso dall’ASST Settelaghi che ci ha permesso di collaborare con il Team Multimediale SITRA che ha allestito un piccolo set sul quale si sono alternate circa 150 persone tra medici, infermieri, volontari, personale di servizio e amministrativo proveniente da tutti i presidi ospedalieri. Anche queste persone hanno scelto di sposare la missione della Fondazione e di metterci la propria faccia cantando insieme a noi il ritornello tormentone “Prenditi cura di chi ti cura, metti in circolo la bontà”.

Questa partecipazione ci ha profondamente colpito ed emozionato perché ci ha dimostrato l’affetto di tanta gente per i propri ospedali: un affetto che sappiamo essere anche di tutti i cittadini a cui adesso chiediamo di prendere il testimone e di “mettere in circolo la bontà”. Tutte le persone che abbiamo incontrato nel corso di questo progetto hanno prestato il proprio tempo, la propria immagine, le proprie capacità e competenze a titolo gratuito e hanno messo in moto un meccanismo fatto di bontà che noi abbiamo percepito profondamente e che ci sta scaldando il cuore.

Ora vorremmo che tutta questa bontà si allargasse a macchia d’olio e grazie al web e ai social network diventasse virale e contagiosa.

I videoclip saranno visibili sulla nostra pagina Facebook e sul nostro Canale YouTube, ma grazie alla bontà di tanti altri vi capiterà sicuramente di vederli proiettati dove meno ve lo aspettate.

Cercateci, cantate con noi, ricantate i nostri jingle da soli e in compagnia, filmatevi e postate sui social network i contributi con gli hashtag #prenditicuradichiticura e #mettiincircololabontà.

Aiutateci a diffondere il virus della bontà e per il 13 novembre in cui si festeggia la “Giornata Mondiale della Bontà” trasformiamo Varese e la sua provincia nella capitale della Bontà.

WiFI in Ospedale: bilancio molto incoraggiante ad un anno dalla donazione

By admin
In Articoli Home
Nov 7th, 2016
0 Comments
1590 Views

Ad un anno dall’avvio del progetto WiFi per i pazienti dell’Ospedale di Circolo di Varese abbiamo voluto verificare se il servizio sta riscuotendo il successo che ci auspicavamo quando abbiamo finanziato i lavori.

I numeri rivelano che il servizio è effettivamente molto utilizzato: 33 sono al momento i reparti che possono fruire del servizio, nel Monoblocco, nell’Hospice, nei Day Hospital dei reparti di Oncologia e di Ematologia. A pieno regime i pazienti che possono collegarsi al WiFI superano le 600 unità e ogni mese si registrano oltre 530 connessioni: un numero a dire il vero arrotondato per difetto se consideriamo che nei reparti di Day Hospital transita quotidianamente un numero di pazienti che oscilla tra le 20 e le 40 persone.

Il WiFi si è rivelato di fondamentale importanza per permettere ai pazienti di restare in contatto con il mondo esterno anche durante una lunga degenza: le persone confermano quanto sia stato importante per loro riuscire a chattare o videochiamare amici e parenti durante le cure e questo aspetto ha alleviato la loro solitudine o la loro sofferenza. Molti pazienti sono riusciti a portare avanti il proprio lavoro o a completare i propri studi nonostante infortuni e malattie che hanno richiesto ricoveri prolungati.

Ma il WiFi non si è rivelato utile solo per i pazienti. Molti parenti che si prendono cura di persone anziane ricoverate hanno potuto utilizzare il servizio al posto del paziente e questo gli ha permesso di restare in contatto con uffici e famiglie.

Per accedere al WiFi bastano i dati presenti sul braccialetto verde di ricovero: per ogni pratica di ricovero è possibile connettere un device per volta che può essere quello del paziente o anche quello della persona che rimane al suo fianco durante la giornata.

Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti e ringraziamo associazioni e imprese che, un anno fa, hanno creduto nel progetto e hanno contribuito alla sua realizzazione: Varese per l’Oncologia, AIL Varese onlus, Sulle Ali Varese, Rotary, Lantech Solutions e Sielco

Ora desideriamo estendere il servizio WiFi ai reparti al momento ancora scoperti. Nel corso di questi 12 mesi abbiamo ricevuto una donazione che presto permetterà di connettere anche la struttura di Malattie Infettive e Tropicali, ma molto resta ancora da fare. Contiamo molto sulla generosità e sull’aiuto di tutti i cittadini per poter connettere tutti i reparti dell’Ospedale di Varese ed estendere il servizio anche a tutti gli altri Ospedali dell’ASST Sette Laghi”