WI-FI GRATUITO PER I PAZIENTI

By admin
In Articoli Home
Ago 16th, 2016
0 Comments
2286 Views

Connessione Internet_WIFI_Ospedale Varese

Tablet, palmare, cellulare. Chi è malato e costretto in un letto di ospedale ha l’esigenza di “essere connesso”, per rimanere in contatto con amici e parenti o anche per lavorare e studiare in attesa di esami ed accertamenti.

Il servizio di Wi-Fi gratuito è a disposizione di tutti i pazienti dell’ospedale di Circolo di Varese che sono ricoverati tra il secondo e il sesto piano del monoblocco, l’hospice, il day hospital oncologico e il day hospital ematologico.

Per accedere alla rete wi-fi ospedaliera servono solo nome, cognome, email e il codice riportato sul braccialetto di degenza.

Qui trovate un tutorial video che vi aiuterà nella procedura di registrazione e attivazione del servizio:

Il progetto è stato realizzato grazie alla preziosa collaborazione con Ail, Varese per l’Oncologia, Sulle Ali, Rotary e con la collaborazione di Lantech Solutions e Sielco.

Molti restano però i reparti da coprire con il servizio Wi-Fi e vorremmo presto poter estendere il progetto anche agli altri Ospedali del territorio.
Se vuoi contribuire DONA ORA oppure contattaci all’indirizzo info@circolodellabonta.it

Una donazione da 50.000 € per il reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale del Ponte.

By admin
In Articoli Home
Lug 21st, 2016
0 Comments
1841 Views

Nel ventesimo anniversario della scomparsa di Patrizia la Fondazione Patrizia Nidoli Onlus ha consegnato alla Fondazione Il Circolo della Bontà Onlus una donazione da 50 mila euro da destinare all’acquisto di un ecografo di ultima generazione per il reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale diretto dal dott. Massimo Agosti.

La Fondazione Patrizia Nidoli è una realtà che negli ultimi vent’anni ha trovato una famiglia a 530 bambini orfani e ha realizzato una serie di importanti interventi sul territorio, come la ristrutturazione dell’asilo di Giubiano, l’apertura di Casa Patrizia a Gavirate – una casa famiglia per le madri in difficoltà – e la donazione di un macchinario per la fitoterapia per l’Ospedale del Ponte.

Il Presidente della Fondazione Il Circolo della Bontà, Gianni Spartà,  ha dichiarato: “E’ un onore che la nostra Fondazione rappresenti un punto di riferimento anche per Fondazioni e Associazioni esterne all’ambito sanitario. Consideriamo questa donazione da parte di Giulio e Paola Nidoli un grosso atto di fiducia nei nostri confronti e ci impegneremo a lavorare al meglio per farci garanti dei progetti affidati.

Donazione Patrizia Nidoli Onlus.pg

La Bontà è già in Circolo.

By admin
In Articoli Home
Mag 3rd, 2016
0 Comments
2080 Views

E’ di alto valore simbolico l’intitolazione di uno spazio del nuovo ospedale a Ferdinanda Cattaneo Babini se pensiamo che alle spalle di questo edificio sorge la vecchia Geriatria sul cui frontespizio campeggia il nome di Achille Cattaneo, suo papà. L’attenzione di questa famiglia varesina verso i luoghi della sofferenza e della pubblica assistenza non è venuta meno negli anni, si è trasmessa da una generazione all’altra. Siamo pertanto grati all’azienda ospedaliera per aver accolto la proposta della nostra Fondazione di ricordare tra le mura del Day center colei che tutti hanno imparato a conoscere come la Dama della carità silenziosa. Ed è bello che questo stia scritto sulla targa in sua memoria.

Achille e Roberto Babini Cattaneo, i figli di Ferdinanda, furono tra i primi a sostenere la nascita della Fondazione Il Circolo della Bontà insieme con altri benefattori: Ginetta Bianchi, la famiglia di Giovanni Valcavi, il Cral. L’occasione è propizia per rinnovare la nostra gratitudine. Televisori in tutte la camere, da poco anche a Luino e a Cittiglio, Wi Fi gratuito a disposizione di ricoverati e no, biblioteche, servizio accoglienza realizzato in collaborazione con Avo Varese, carrozzine all’ingresso di via Guicciardini per ricevere, indirizzare, accompagnare persone fragili: sono le cose che abbiamo fatto finora. Prenditi cura di chi ti cura. Metti in Circolo la Bontà non è solo uno slogan, è anche il tentativo di riportare gli ospedali al centro degli interessi delle città di cui sono patrimonio non solo affettivo.

News Babini Cattaneo_3.5.16_web

Un omaggio doveroso alla “Dama della carità silenziosa”

By admin
In Articoli Home
Apr 27th, 2016
0 Comments
1858 Views

Il nuovo CUP dell’ospedale di Varese, nella nuova palazzina sorta al centro dell’area ospedaliera, è stata intitolata a Ferdinanda Cattaneo Babini. Una benefattrice a cui l’ospedale, ma anche la città di Varese, deve molto. A suo padre era intitolata la palazzina ormai disabitata, che per tanti anni ha accolto la geriatria e che sorge proprio di fianco al monoblocchi.

La dedica di Ferdinanda Cattaneo Babini era stata suggerita tempo fa dalla Fondazione Circolo della Bontà, quando ancora c’era il direttore Walter Bergamaschi. Una richiesta che oggi il presidente della Fondazione Gianni Spartà così commenta: «È di alto valore simbolico l’intitolazione di uno spazio del nuovo ospedale  a Ferdinanda Cattaneo Babini se pensiamo che alle spalle di questo edificio sorge la vecchia Geriatria sul cui frontespizio campeggia il nome di Achille Cattaneo, suo papà. L’attenzione di questa famiglia varesina verso i luoghi della sofferenza e della pubblica assistenza non è venuta meno negli anni, si è trasmessa da una generazione all’altra. Siamo pertanto grati all’azienda ospedaliera per aver accolto la proposta della nostra Fondazione di ricordare tra le mura del Day center colei che tutti hanno imparato a conoscere come la Dama della carità silenziosa. Ed è bello che questo stia scritto sulla targa in sua memoria».

«Se potessero parlare i mattoni di chiese, parrocchie, centri sociali racconterebbero storie di straordinario “farsi prossimo” ed evocherebbero il nome di questa signora raffinata, elegante, mai in prima fila, tranne che al palasport accanto al figlio Roberto, grande tifoso di basket, sempre presente dove c’era bisogno di un aiuto, anche di un sorriso. I frati della Brunella raccontavano che Donna Ferdinanda aspettava sul sagrato donne viste in lacrime davanti a un altare all’ora della prima messa. Le fermava, parlottava, consolava aveva una carezza sempre pronta. Il resto resta un segreto sigillato nel suo grande cuore».

Il legame tra la famiglia Babini Cattaneo e la Fondazione Circolo della Bontà è solido: «Achille e Roberto Babini Cattaneo, i figli di Ferdinanda, furono tra i primi a sostenere la nascita della Fondazione Il Circolo della Bontà insieme con altri benefattori: Ginetta Bianchi, la famiglia di Giovanni Valcavi, il Cral. L’occasione è propizia per rinnovare la nostra gratitudine. Lo facciamo a nome delle centinaia di persone che ogni giorno hanno a che fare con gli ospedali di Varese, del Verbano, adesso anche di Tradate, i luoghi in cui la Fondazione opera affiancando l’azienda regionale e promuovendo iniziative destinate a migliorare la qualità del tempo trascorso dai pazienti nelle degenze, negli ambulatori, nelle sale d’attesa».

La Fondazione è nata allo scopo di sostenere gli ospedali dell’azienda e migliorare la qualità della permanenza dei pazienti: «Televisori in tutte la camere, da poco anche a Luino e a Cittiglio, Wi Fi gratuito a disposizione di ricoverati e no, biblioteche, servizio accoglienza realizzato in collaborazione con Avo, carrozzine all’ingresso di via Guicciardini per ricevere, indirizzare, accompagnare persone fragili. Poche cose, importanti. Abbiamo raccolto la testimonianza di un giovane che sta combattendo contro una grave malattia, non più incurabile, da una camera sterile. “Resto connesso col mondo, è una bella compagnia, grazie”,  ha detto a un’infermiera” “Pensiamo che la sanità pubblica negli anni a venire e già ora abbia di nuovo bisogno dell’aiuto dei privati per mantenere inalterati i livelli d’assistenza. Prenditi cura di chi ti cura. Metti in Circolo la Bontà non è solo uno slogan, è anche il tentativo di riportare gli ospedali al centro degli interessi delle città di cui sono patrimonio non solo affettivo»

Fonte: http://www.varesenews.it/2016/04/un-omaggio-doveroso-alla-dama-della-carita-silenziosa/511285/